Commentaria

25/06/2008

Germania-Turchia: oltre lo sport

Filed under: società — M. Luisa Cinque @ 10:16 AM
Tags: , , , , ,

Che i Campionati europei fossero una occasione per vivacizzare il clima all’interno di una
UE uscita acciaccata dal No! irlandese, non c’era dubbio, così come non è sfuggita (a me non di certo) l’aspetto politico che dietro le quinte agita gli animi e le menti.

Emblematica i tentativi di forzatura mediatica fatta dalla Spagna alla vigilia dell’incontro con l’Italia, quasi a mettere in campo non soltantodei giocatori ma il ruolo, il peso e il prestigio delle due nazioni contendenti all’interno della Comunità europea.
Se la Spagna intendeva dare alla partita questo significato, da parte nostra non c’è voluto molto ad accontentarli.
Stessa cosa per la Russia: la bella figura che ha fatto questa squadra fresca e senza dubbio sorprendente, è stata letta in molti come l’esempio lampante di un nuovo corso dell’intera nazione, ormai sempre più libera dalla cappa del regime omnipervasivo che l’aveva caratterizzata per decenni.
Che dire della Turchia?
Questa nazione appetita dall’Occidente e dall’Oriente per la sua posizione strategica e sul ruolo della quale sono anni ormai che si dibatte: deve entrare a far parte dell’Europa per cercare di arginare la pericolosa tendenza a scivolare nell’orbita del grande progetto del fondamentalismo islamico di gettare una solida testa di ponte nell’Europa, oppure deve essere tenuta fuori perchè alla lunga creerebbe dei problemi di non facile soluzione se essa venisse accettata?
In attesa di ulteriori sviluppi nel quadro geopolitico dell’Europa, la squadra turca ha eliminato gli avversari del suo girone e ora si ritrova a competere con la Germania nelle semifinali di questa sera.
Questo avvenimento però ha aperto un certo dibattimento all’interno della classe politica tedesca, che va oltre il mero episodio calcistico.
Leggevo questa mattina un interessante articolo che vi segnalo sul sito http://www.spiegel.de/ il cui titolo tradotto potrebbe essere:
Nati e cresciuti in Germania.. ma giocano per la Turchia!
Il sottotitolo spiega chiaramente qual è il problema:
“Due giocatori chiave della squadra nazionale della Turchia sono nati e sono cresciuti in Germania.
Ora, un politico tedesco
(n.d.a. per la precisione si tratta di Claudia Roth, figura di spicco del partito dei Verdi) sta domandandosi ad alta voce perchè essi non facciano parte della squadra nazionale tedesca. È ancora un ulteriore segno delle imperfezioni del sistema di integrazione? …”
L’articolo mostra chiaramente un problema politico e sociale cui un evento sportivo ha fatto
da cassa di risonanza: la questione dell’integrazione razziale di una comunità straniera che ormai non è alla prima, ma già alla seconda o addirittura terza generazione all’interno della nazione che li ha accolti.
E’ un problema di grande attualità, che richiede delle soluzioni coerenti e soprattutto univoche per evitare degli squilibri che alla lunga diverranno drammatici.

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: