Commentaria

12/08/2008

Favoletta Caucasica (da RIVOLUZIONE ITALIANA di Paolo Guzzanti)

Filed under: riflessioni — Paolo Porsia @ 8:49 AM

Nick Carter scrive: 
11 Agosto 2008 alle 23:58

Caro RIZZ

Che vuoi, m’è venuta così: sarà capitato anche a te, d’avere una musica in testa, sentire una specie d’orchestra…. e zum zum zum zuuuum zum…
Era dalla terza media non ancora unificata con le scuole di avviamento professionale che mi ronzava in testa.

Il grande lupo russo andò al potere e si trovò la cassa vuota e la cascina svaligiata: qualcuno s’era comprato il gas, qualcuno il petrolio, qualcuno l’acciaio… nessuno aveva pagato le cambiali.
Erano scappati tutti col malloppo a giocare col Chelsea, a fare i finanzieri… Ma con quali titoli di proprietà se solo un paio di anni prima quei soldi erano della grande madre sovietica e questi non avevano prodotto nemmeno uno spillo??

Al grande lupo venne il sospetto di aver assistito ad un assalto alla diligenza di casa sua e s’incazzò di brutto.

Allora cominciò a dire: il gas èmmmmìo, il petrolio èmmmmìo, l’acciaio èmmmmmìo e piano piano ha ricostruito la cassa, ed ancora continua.

Certo ha esagerato col polonio, ma che vuoi, ancora non può permettersi di aprire gli archivi, con tutti questi comunisti ancora in giro… ma verrà un giorno in cui anche al grande lupo converrà aprirli.

Ricostruita la cassa vide tutta la sua campagna sbranata in tanti pezzettini, alcuni pezzi ormai persi, altri ancora appiccicati, ma desiderosi di spiccicarsi. Subito decide di riparare le pezze e si pone una domanda: “Chi mangia del mio (petrolio)?” Ebbene se è uno distaccato lo paghi, e se è uno che vuole distaccarsi non si distacchi!

Poi ha visto Georgio: posizione incantevole sopra un mare d’idrocarburi proprio al confine con la caverna di Alì Babà petrolifero, con una vaga tendenza a tagliare la corda ed a mettersi con la squadra avversaria.
“Ehhh no no no, Georgio, questo non si fa, l’idrocarburo èmmmmmmìo pure questo, e l’ultimo NATO in casa non ce lo voglio…”

Che vuoi Georgio, il tuo babbo parla male di me, devo mangiarti per forza.
Diranno che sono cattivo? Siiii, Georgio, ma dopo gli passa: Pensa che la Cina occupa il Tibet da quarant’anni eppure son tutti a Pechino a pecorone, la Siria occupa il Libano da vent’anni e nessuno dice niente, il libico e l’iraniano armano gli abbattitori di torri e nessuno dice niente…
Che vuoi Georgio…. tengono famiglia.

George Dabliù farà i capricci? Lascia che sia, tanto poi gli passa e si adegua…

Ogni riferimento a fatti o persone realmente esistite è puramente casuale.

Cordialità NC

P.S. contentiamoci del lupo, perchè vicino a lui c’è il Tirannosauro Giallo: e quando si muoverà saranno dolori ancora peggiori.

 

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: