Commentaria

25/06/2015

Le parole telluriche di Sorokin

Filed under: riflessioni — Paolo Porsia @ 12:25 AM

Ammiraglio61's Blog

Fonte

Lo scrittore russo, critico nei confronti di Putin, arriva per la Milanesiana
Qui parla della sua Russia («Una farsa») e del nuovo Medioevo degli iPhone
di Roberta Scorranese

Nato nel 1955, Vladimir Sorokin ha vissuto quattro Russie: l’immobilismo brezneviano, la Perestrojka di Gorbaciov, l’occidentalizzazione di Eltsin e il neonazionalismo di Putin. E, atteso alla Milanesiana il 30 giugno, lo scrittore russo

inviso ai putiniani (che nel 2002 hanno definito «pornografia» i suoi romanzi), può permettersi di dire: «Molte cose nel nostro paese assumono l’aspetto di una farsa». Popolare in Europa (in Italia i suoi libri più famosi sono La coda, edito da Guanda, e Ghiaccio, da Einaudi), Sorokin si diverte a riscrivere la sua Russia.

Nel suo recente «La giornata di un Opricnik» (Atmosphere libri) lei racconta una Russia distopica, ambientata nel futuro. Come immagina il suo Paese tra vent’anni?
«È impossibile prevedere cosa avverrà nei prossimi cinque. Non…

View original post 597 altre parole

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: