Commentaria

30/08/2015

Il desiderio popolare

Filed under: riflessioni — Paolo Porsia @ 6:13 AM

Articles by Gabrielis Bedris

La Russia rappresenta e disegna le sue azioni come opere di bene, quando invece coprono interessi prettamente a lei riconducibili.
Prima del 27 febbraio 2014, gli eventi ucraini erano legati alle grandi questioni interne: c’era un movimento di protesta contro il corrotto ex presidente Victor Yanukovich e contro il grande accumulo di ricchezza del suo cerchio interno. Nella capitale Kiev, come in altre città, Odessa, Donetsk e Dnipropetrovsk, sono iniziati dei movimenti di protesta azionati dal popolo ucraino.
Yanukovich, il 22 febbraio è fuggito in Russia sotto il peso della sua paura, cinque giorni dopo, la catena degli eventi, che prima era formata da un insieme d’ingerenze e “suggerimenti” russi, ha iniziato ad essere totalmente trainata da un lettore esterno: i problemi non erano più suoi propri interni dell’Ucraina, ma sono diventati ucraini trainati da un attivo giocatore esterno.
La fase attiva dell’operazione Crimea, è iniziata la mattina del 27…

View original post 784 altre parole

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: