Commentaria

26/10/2015

Una nascosta secessione

Filed under: riflessioni — Paolo Porsia @ 8:33 AM

Articles by Gabrielis Bedris

La regione del Donbass in Ucraina orientale sta adottando la moneta russa, i libri scolastici e forse presto, i passaporti. La Russia, che ha annesso la penisola di Crimea lo scorso anno, non sta facendo nessun passo formale per far variare le regioni occupate dai suoi proxy verso Mosca.
Spesso è solo una singola lettera che fa la differenza. Alla periferia di Donetsk, i separatisti hanno rimosso un segno diacritico dal cartello che annuncia il nome della città – trasformando così una parola ucraina in una russa. I separatisti amano farsi fotografare in questo luogo. Negli ultimi mesi, in tutta la parte orientale del paese, i cartelli con i nomi ucraini delle strade e delle città sono stati sostituiti con quelli scritti in russo.
– È un altro paese adesso – sostiene Igor Martynov, che è stato nominato sindaco di Donetsk dai separatisti. Le bandiere, le scritte e qualsiasi segno…

View original post 738 altre parole

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: