Commentaria

02/02/2016

Ucraina: un momento difficile per il cessate il fuoco

Filed under: riflessioni — Paolo Porsia @ 7:58 AM

Articles by Gabrielis Bedris

Da dietro le quinte sembra che i diplomatici americani stiano riscoprendo l’Ucraina come una priorità di politica estera.
Il 15 gennaio, l’assistente segretario di Stato Victoria Nuland ha incontrato, nella residenza del presidente russo Vladimir Putin sulle rive del Mar Baltico, il consulente chiave del Cremlino. La diplomatica statunitense per gli affari europei si è recata nella regione russa di Kaliningrad per sedersi con Vladislav Surkov, il luogotenente di Putin che vigila le regioni ribelli in Ucraina orientale. La loro sessione di sei ore ha toccato le più spinose questioni del tenue processo di pace ucraino e sembra che sia stata “costruttiva e utile”. Definire l’incontro insolito, sarebbe un eufemismo: i media di stato russi hanno sempre rappresentato Nuland come il burattinaio filo-occidentale della rivoluzione Maidan, mentre Surkov, il progettista della decorativa democrazia di Putin, è visto in Occidente come una delle menti nascoste dietro l’annessione della Crimea. Per il…

View original post 1.241 altre parole

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: