Commentaria

02/05/2016

Le malattie mentali

Filed under: riflessioni — Paolo Porsia @ 7:04 AM

Articles by Gabrielis Bedris

Boris Nemtsov non si è mai preoccupato della sua sicurezza: lui, come vice primo ministro durante la presidenza di Boris Eltsin, aveva garantita la sua incolumità da un accordo raggiunto con Putin, nel quale si prevedeva che la famiglia di Eltsin e tutti i suoi funzionari governativi sarebbero stati controllati a vista. Alcuni critici del governo sono spesso morti all’estero o in carcere – per esempio, il giornalista investigativo Anna Politkovskaya che è stata uccisa come regalo di compleanno di Putin; ma Nemtsov, nonostante i suoi acuti attacchi al regime e alle sue rivelazioni sulla diffusa corruzione, è sempre rimasto incolume.
Quattordici mesi fa però, Nemtsov è stato assassinato in stile esecuzione a pochi passi dal Cremlino, in quella che, probabilmente è la zona di sicurezza più strettamente controllata di tutto il mondo. Putin prontamente è scomparso ed è rimasto rintanato per un paio di settimane. Nel frattempo, un incompleto…

View original post 1.164 altre parole

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: