Commentaria

05/05/2016

La destabilizzazione russa dell’Ucraina

Filed under: riflessioni — Paolo Porsia @ 7:55 AM

Articles by Gabrielis Bedris

Negli ultimi mesi, a causa della relativa calma nella guerra russo-ucraina nel Donbas, molti osservatori occidentali hanno cominciato a classificare questo confronto come un altro “conflitto congelato” su un territorio dell’ex Unione Sovietica. Eppure, anche se le azioni militari russe su larga scala si sono acquietate, questa analogia è fuorviante: non tutti in Occidente capiscono che Mosca, al fine di mettere in ginocchio il traballante Stato ucraino
utilizza attivamente tre strumenti:
i. l’Ucraina è vittima (anche se informale) di una “tradizionale” aggressione militare russa, che seppur ridotta, continua ancora;
ii. Kiev soffre gravi conseguenze economiche per questa classica guerra;
iii. il Cremlino – come parte della sua guerra “ibrida” – è un vettore disarmato di attacchi multilivello contro l’Ucraina, visti solo in parte dall’Occidente.
Tutte queste attività – le sanzioni economiche, operazioni dei servizi di sicurezza, campagne di propaganda, attacchi informatici mirati, scontri diplomatici e pressione politica – attentamente coordinate…

View original post 650 altre parole

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: