Commentaria

05/03/2015

L’ASSASSINIO di NEMTSOV : AND THE WINNER IS….

Filed under: analisi,Estero,riflessioni — Paolo Porsia @ 1:37 AM
Tags: , ,

QUESTA è GROSSA…Vero SCOOP…. Grazie ad Alexei Desmon Konovalov :Sembrerebbe che il cugino di Ramzan Kadyrov, capo del gruppo ceceno, Delimhanov Adam,sia il carnefice personale di Boris Nemtsov ucciso nel centro di Mosca sotto gli occhi della polizia russa. Ha inoltre organizzato l’assassinio di Yamadayev a Dubai e in precedenza nel 2008 l’assassinio di suo fratello maggiore vicino alle mura del Cremlino. Queste informazioni sono state riferite dai media del Caucaso (Kazvak Center)

KADYRON E PUTIN

Tutto ciò sembrerebbe una perdita di informazioni o un pettegolezzo mentre in realtà è il risultato di amicizie fra questi gruppi di ceceni e “gente in cravatta” e quindi le informazioni anche le più sensibili a volte vengono distribuite. Questo gruppo di killer è una catena per “eliminare i nemici” con capo Putin fino ad arrivare a Delimhanov. Le fonti dicono che il team assassino con a capo Delimkhanov è ancora a Mosca e che non la lasceranno. Ci sono informazioni secondo le quali hanno festeggiato l’operazione di successo di Domenica in un appartamento a Mosca. Il team di Delimknahov ha avuto piena libertà di azione anche da parte della polizia e sorveglianza. Il luogo dell’omicidio, le mura del Cremlino, non è stato scelto a caso in quanto la banda di Putin ha preparato l’alibi per farla passare come provocazione diretta a Putin. Questa è una vecchia tattica del KGB, eliminare gli oppositori dandosi un alibi, quello che formalmente da “danno alle autorità” La stessa tattica è stata usata con l’uccisione di Kaczynski e si tutta l’elite polacca anti-russa di Smolensk, nell’ assassinio per avvelenamento di Litvinenko, nell’ assassinio di Berezovsky, di Estemirova. Tra l’altro, gli assassini di Estemirova vivono tranquillamente a casa loro. In Cecenia, tutti sanno chi ha compiuto l’omicidio: Khamzat Edelgiriev e suo cugino, soprannominato “Dantes.” Anche la scena del delitto tutti la conoscono: la base dei kadyroviti nel villaggio Yalkhoy-Mohk. E’ un “segreto” solo per i media russi, ma non per la Cecenia. Sul corpo sono state trovate tracce di DNA ma “non si è potuto verificare formalmente”. In Cecenia si scherza pure sulla costruzione, “dell’ufficio del pubblico ministero” dove dovrebbe esserci appeso un cartello stradale – “Attenzione cieco”. Come riportato dall’ “Observer”,Aleksey Navalny,dell’ ex opposizione russa trae alcune conclusioni circa il brutale assassinio di Boris Nemtsov a Mosca. È sicuro che l’omicidio di Nemtsov è il “lavoro” del Cremlino, l’unico “dubbio” è come l’ordine sia stato formulato: “devi uccidere Nemtsov” o “si deve creare una forte azione di risonanza”. Pezzo Originale in RUSSO

27/02/2014

La mappa della VERGOGNA (extraordinary renditions)

Filed under: analisi,Estero,Italia,riflessioni,società,uno sguardo al mondo — Paolo Porsia @ 6:15 PM

…«Perché l’azione penale non poteva essere proseguita per l’esistenza del segreto di Stato»,
Questa è stata la motivazione del proscioglimento da parte della Corte di Cassazione di Nicolò Pollari e Marco Mancini gli uomini del SISMI accusati del rapimento di Abu Omar nell’ambito delle “extraordinary renditions” orchestrate dalla CIA.
E’ un proscioglimento dovuto alla imposizione del SEGRETO di STATO.
Ma che le “EXTRAORDINARY RENDITIONS” esistessero ( e forse esistono tuttora?) nessuno lo nega…
Il Washington Post nel suo blog World Wiews pubblica un articolo dal titolo “una mappa che fa barcollare dei 54 (!!) paesi dei quali viene riportata la partecipazione al Programma CIA dei “trasferimenti straordinari”” (A staggering map of the 54 countries that reportedly participated in the CIA’s rendition program)
cia-rendition-map3
Basata su un rapporto compilato e rilasciato or ora dalla Open society foundation getta nuova luce e ne mostra le reali scioccanti dimensioni.
Basandosi su questo rapporto non meno di 54 paesi hanno collaborato al programma. Alcuni di questi governi sono brutali dittature fra i quali ANCHE AVVERSARI DICHIARATI degli STATI UNITI.
I 54 governi identificati in questo rapporto si spandono sui continenti di Africa, Asia, Australia, Europa, Nord America e comprendono: Afghanistan, Albania, Algeria, Australia, Austria, Azerbaigian, Belgio, Bosnia-Herzegovina, Canada, Croazia, Cipro, Repubblica Ceca, Danimarca, Gibuti, Egitto, Etiopia, Finlandia, Gambia, Georgia, Germania, Grecia, Hong Kong, Islanda, Indonesia, IRAN, Irlanda, ITALIA, Giordania, Kenya, Libia, Lituania, Macedonia, Malawi, Malaysia, Mauritania, Marocco, Pakistan, Polonia, Portogallo, Romania, Arabia Saudita, Somalia, Sud Africa, Spagna, Sri Lanka, Svezia, SIRIA, Thailandia, Turchia, Emirati Arabi Uniti, Regno Unito, Uzbekistan, Yemen, e Zimbabwe.
A leggere questo mi domando…Il duello nella cosiddetta “Guerra al Terrore” è stato fra “buoni” e cattivi o fra CATTIVI e PESSIMI?

View this document on Scribd

05/08/2012

art. 21 – Democrazia e Stato di diritto ed obblighi di legge dello Stato verso ogni cittadino.

Il Protocollo

ovvero doveri delle P.A. e diritti dei cittadini in poche sentite parole.

Breve premessa:

Quanto segue nasce nella ricerca di soluzioni sentite come necessarie al fine di alleviare quel genere fastidioso di sofferenza che si produce nell’ambito della solita nostrana costante non sempre facile relazione con la cosa pubblica.

Tale rapporto spesso molto faticoso per noi cittadini ci viene spesso inflitto con purtroppo tanti piccoli o meno piccoli ed a volte anche gravi comportamenti amministrativi che non sempre paiono improntati a criteri esattamente e giuridicamente e praticamente condivisibili. Non entro nel dettaglio della mia diretta esperienza, ma  posso affermare che ho dovuto  notare, come in genere, da parte delle Funzioni pubbliche da me incontrate – ed in particolare dalle Finanze- vi sia stata una forte resistenza a correggere gli errori compiuti, e questo in particolare sia avvenuto anche quando erano evidenti gli errori e quando da tali errori era subito evidente come da una loro mancata correzione si sarebbero poi creati effetti economici potenzialmente gravi o molto gravi e non solo in danno della vittima ma anche in danno diretto della stessa Pubblica Funzione in questione.

Per il comune cittadino in simili casi si tratta di situazioni poco comprensibili in quanto dall’amministrazione, in casi del genere ci si aspetterebbe che intervenisse subito a correggersi nel proprio interesse se non anche in quello del cittadino danneggiato dall’errore.

Nonostante la logicità del concetto, questo genere di reazione correttiva dei suoi stessi errori, da parte delle P.A. non l’ho vista seguire ed accadere con molta frequenza.

Circa 3 anni fa, ho avuto una ispirazione sul tema della correzione spontanea degli errori da parte del servizio pubblico. Tale intuizione mi ha condotto alla individuazione di un fattore o punto di origine dal quale, con un piccolo sforzo iniziale,  si potrebbe forse far nascere  un nuovo approccio migliorativo, forse capace di indicare una via in grado, con il tempo e la pazienza, di poter attenuare la frequenza del fenomeno ed il relativo disagio causato dal genere di problema stesso. La cosa mi è quindi parsa subito molto interessante per tutti e quindi mi sono così proposto di esporre su questo Blog questa idea e i due concetti che ne sono scaturiti e che espongo di seguito..

Scopo migliorare il rapporto tra P.A. E cittadini e creare una alleanza per una collaborazione la posto dei conflitti che oggi si generano con danno e con troppa ed inutile facilità.

Sintesi

Punto uno;

Nella P.A. il funzionario, la funzione e le funzioni, hanno sempre il dovere di essere motivati dalla “INTENZIONE” dimostrabile di fare sempre la cosa legittima migliore possibile per il benessere del cittadino amministrato. Dunque devono sempre essere in grado, anche a posteriori di poter dimostrare che quanto hanno fatto verso il cittadino era la cosa legittima, che loro in tutta buona fede ritenevano fosse realmente la decisione e scelta migliore possibile per il bene di quel cittadino. Nel caso non potessero dimostrare ciò si troverebbero allora davanti a seri problemi e responsabilità.

Circa il secondo punto che qui segue, esso si è generato nel mio pensiero, successivamente al primo. E’ nato da esperienze dirette di funzioni pubbliche che hanno commesso errori gravi in mio danno e che ne hanno poi immotivatamente sempre rifiutato la correzione.

Ho capito una cosa credo molto importante:  ho capito che era prioritario continuare a tutelare i diritti della persona, ma  che qui in Italia, a causa della inesistenza di un garante della persona, questa via si sarebbe rivelata non facile a percorrersi. Ho però creduto di capire che era necessario distinguere il cittadino dal suddito ed ho ritenuto di aver capito  che……..

Punto due

Nello Stato di diritto e democratico, il Cittadino, al contrario del suddito dello Stato assoluto non ha mai il minimo dovere di subire errori od abusi del potere.

Quindi in caso un cittadino subisca o stia subendo un abuso o anche solo un errore del potere, da parte della P.A. stessa, il cittadino  non potrebbe più essere ritenuto direttamente responsabile di suoi eventuali successivi inadempimenti formali o del fare e del pagare sino a che l’abuso o l’errore che ha subito in precedenza non sia stato interamente sanato nei fatti e negli effetti.

Nulla vieta ad una P.A. Onesta e rispettosa della legge di correggere subito un suo errore nei fatti e negli effetti e se non lo fa non ha alcun motivo giuridico condivisibile per credersi nel diritto di far ricadere gli effetti del proprio errore non corretto, e non voluto correggere, sulle spalle della propria vittima, la quale se non ha il dovere di subire errori non ha nemmeno il dovere di cercare  soluzioni agli errori che ha subito.

Commento ulteriore sul tema

Quando l’errore o la lesione consiste nel mancato pagamento di un danno o nella mancata fornitura di un dovuto servizio o di una importante prestazione pubblica, od il mancato pagamento di un dare dovuto, allora…..
Allora se è la P.A. o una P.A.  il debitore del fare o del pagare, si configurerebbe  a parer mio, una lesione dei diritti fondamentali della persona.

In tutti i casi di tal genere in cui la vittima, e cioè il titolare del credito non ancora incassato o del fare non ancora ricevuto, anche se dovuto, si trovi a sua volta a subire una ingiunzione di pagamento, una ordinanza del fare o del pagare o uno sfratto, un  giudice incaricato dovrebbe poter chiamare in causa l’Ente responsabile onde proseguire l’azione monitoria subenda dal povero cittadino incolpevole di quanto subisce e riversarla verso l’Ente stesso con la medesima rapidità e forza esecutiva  che l’inadempimento in corso sta riversando sulla povera vittima e cioè sul cittadino.

Ho discusso questa idea in un caso di pignoramento immobiliare dovuto ad un errore fiscale delle Finanze non corretto e il Giudice mi disse che se l’interessato avesse trovato un avvocato a sostenere la tesi, e fosse stato lui ad avere un simile caso non solo teorico ma pratico, egli  avrebbe valutato questa ipotesi con forte interesse.

In effetti il mancato pagamento o il mancato fornito servizio, da parte di una Funzione Pubblica è sempre un atto di potere quando il suo effetto crea un danno diretto così grave come uno sfratto od una vendita immobiliare.  E’ ovvio che la P.A. sia allora la sola responsabile del danno.
In questo caso non si vede proprio allora la ragione per la quale il danno lo possa fare la P.A. ma lo debba sopportare solo la vittima. La Costituzione questo non lo considera legittimo e la legge nemmeno.

Di conseguenza sarebbe interessante, se capitasse, prima o poi, l’occasione di un caso pilota di tal genere,  in quanto le buone riforme della Giustizia in Italia  non di rado si formano anche grazie a sagge e autorevoli sentenze. Di leggi ne esistono così tante che a volte è solo questione di cercare ed applicare la legge adeguata al caso.

In ultimo pare evidente che se lo Stato non paga il signor Rossi mentre però paga tutti gli altri, questo crei  una discriminazione di trattamento,  ed anche questo andrebbe riformato.  Lo Stato quando si trova ad essere debitore può pagare a tutti il 99% piuttosto che non pagare nulla ad un avente diritto che se non pagato rischierebbe di perdere lavoro e serenità,  ed a volte,  come è già purtroppo accaduto, anche la vita.

La condanna a morte in Italia non esiste e non si vede proprio perché il Giudice, in diritto, non possa far pagare l’ente pubblico e si possa invece dimenticare della sopravvivenza fisica e dei diritti umani della vittima.

(testo soggetto a diritti d’autore e non riproducibile in toto o in parte senza l’autorizzazione dell’autore)

27/02/2012

Il fallimento di Vladimir Vladimirovic

Filed under: analisi,Estero,riflessioni,uno sguardo al mondo — Paolo Porsia @ 3:30 PM
Tags: ,

L’apprendere del tentativo di assassinio di del premier russo Vladimir Putin da parte di “un gruppo di estremisti votati alla creazione di un Emirato islamico nel Nord del Caucaso” (sic) -Esiste di fatto già- è la dimostrazione di una sola cosa: del FALLIMENTO della Politica di Putin Vladimir di “appeasement” del Mondo Islamico.

Non è una sorpresa, ma soprattutto è la dimostrazione che volendo troppo “usare” a proprio vantaggio certe ideologie estremiste per (miseri) vantaggi di bassa cucina interna a un certo punto come diceva Malcom-X “le galline ritornano nell’aia di dove sono venute”.

Per voler dimostrare i rapporti ambigui fra l’FSB e le correnti più estremiste del radicalismo islamico ceceno Alexander Livtinenko e Anna Politovskaja sono morti…

Emirato Caucaso Nord

Emirato del Caucaso

Il dubbio è che Putin pur di ottenere un trionfale ritorno al Cremlino sarebbe disposto a qualunque cosa….Anche ad “inside jobs” per seminare il terrore all’INTERNO DEL SUO STESSO POPOLO? Lo ha già fatto, dicono i “maligni” con gli attentati del 1999… Credo che questa volta il caso sia diverso, sia perché è diverso il contesto sia perché l’attuale “Emiro” del Caucaso Nord Doku UMAROV o meglio Movladi Udugov, un ideologo e un portavoce per l’Emirato del Caucaso, ha detto nell’Agosto del 2008 che “come Doku Umarov molto accuratamente osservato, questo stato islamico non ha ancora i confini. Non è corretto dire che vogliamo costruire una sorta di enclave sul territorio di queste repubbliche del Caucaso del Nord. No, oggi molti musulmani che vivono in Tatarstan, Bashkortostan, Buryatia, russi provenienti dalle regioni più diverse della Russia che hanno accettato l’Islam, un giuramento di fedeltà a Dokka Umarov come leader legittimo del musulmani e ovunque si trovi -. a Mosca, Blagoveshchensk, Tyumen -. quando un musulmano presta quel giuramento, egli diventa una unità di combattimento solo perché queste persone non sono visibili ora nella loro città e non sono attivi, ciò non significa che non si attiveranno in futuro ”
islamicempires

Tra l’altro non credo che l’appoggio russo a Bashar AL ASSAD abbia reso entusiasti i musulmani russi, e meno che mai Umarov ed i suoi…

29/12/2011

Golfo Persico: Minacce, mosse e contro mosse


Nonostante le innumerevoli minacce da parte degli Iraniani, e a differenza di ciò
che dicono i cospirazionisti di destra e sinistra, gli USA non ATTACCHERANNO
l’Iran.
L’Iran è retto da una cosca mafiosa sacerdotale, ma non da fessi…
Numerosi scricchiolii si fanno sentire a Teheran a cominciare dal boicottaggii dell’Ashura da parte non solo della maggioranza della popolazione ma anche dagli Ayatollah di base e dei Pasdaran..
Nessuno segue più gli Ayatollah. Otre a ciò per scatenare una guerra gli manca il fattore “essenziale” LA BENZINA!
Questo perchè da 30 anni i Mullah NON PRODUCONO PETROLIO Vendono concessioni…
Così un paese che potrebbe essere autosufficiente dispone di quantità di petrolio limitate, poichè i contratti di concessione impongono alle compagnie straniere di fornire all’Iran dal 20 al 30% del prodotto delle concessioni come compenso. Ciò significa che un paese petrolifero non dispone che di quantità limitate di petrolio per il suo sistema industriale. La cronica mancanza di kerosene fa sì che il regime degli Ayatollah al giorno d’oggi abbia già perduto dal 50 al 60% delle sue capacità di produzione di energa elettrica CHE AL GIORNO D’OGGI FA AFFIDAMENTO SOLO SULLE VECCHIE CENTRALI TERMICHE A KEROSENE…
Come volete che facciano a bloccare lo Stretto di HORMUZ?

Pagina successiva »

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.